METRONAPOLI
E-MAGAZINE
Metronapoli il magazine on line della Rete Civica Metropolitana
Il magazine della Rete Civica. News dai Comuni, dagli Enti e dalle Associazioni no profit

CITTA' METROPOLITANA DI NAPOLI

Il sito istituzionale della Provincia di Napoli

Il sito web istituzionale della Provincia di Napoli.
Giunta e Consiglio Provinciale, bandi di gara, concorsi, Ufficio Relazioni al Pubblico, regolamenti dell'ente.

Napoli: nel Vallone San Rocco scoperta immissione di reflui proveniente da un’attività edilizia

24/11/2021 - In seguito ad una segnalazione presentata negli uffici della Polizia Locale dal personale dell’Azienda del servizio idrico cittadino ABC, gli Agenti del Reparto di Tutela Ambientale hanno individuato, e interrotto, una copiosa immissione di reflui speciali nell'area del Vallone San Rocco, rientrante nell'area protetta del Parco delle colline dei Camaldoli.



Pubblicato da

Rete Civica Metropolitana

La segnalazione dell’ABC scaturiva dal fatto che, nelle ultime settimane l’impianto di sollevamento comunale, a servizio delle utenze della zona ospedaliera, entrava in allarme. All’interno delle vasche erano recapitati reflui non idonei, consistenti prevalentemente in fanghi cementizi che, dopo aver percorso un tratto del canale naturale destinato alla raccolta delle acque piovane, giungeva nell’impianto posto a valle mandandolo in tilt.

Gli Agenti della Municipale, guidati dal personale tecnico, percorrevano a ritroso i cunicoli fino a giungere in un cantiere allestito da una ditta privata che stava eseguendo lavori di miglioramento proprio sulla rete fognaria e, anziché gestire il rifiuto liquido come previsto dalla legge, attraverso il recupero e lo smaltimento dei fanghi, lo diluiva e lo immetteva direttamente nel canale di raccolta delle acque meteoriche.

Al momento dell’accesso gli Agenti sorprendevano gli operai proprio nell’atto di versare i fanghi di scarto dell'attività edilizia all’interno nel canale. Al fine di interrompere il pericolo per le matrici ambientali e limitare i danni generati dall’illecita immissione dei reflui speciali veniva sottoposta a sequestro l'attività edile, il cantiere, le attrezzature e i materiali presenti e il responsabile dei lavori della ditta, è stato denunciato all'autorità giudiziaria per i reati ambientali connessi all'azione accertata ai sensi dell'articolo 256 e 137 del codice dell'ambiente.